La ceramica italiana per la sostenibilità, se ne parla al Cersaie

È IL TEMA DEL CONVEGNO INAUGURALE DELLA 35.A EDIZIONE DEL SALONE INTERNAZIONALE DELLA CERAMICA PER L’ARCHITETTURA E DELL’ARREDOBAGNO

Coniugare creatività e innovazione senza dimenticare la sostenibilità: l’industria della ceramica italiana ci crede. Basti pensare che produce con i più elevati standard di protezione ambientale e sociale al mondo e il livello degli investimenti di questi anni superiore al 7% del fatturato. Sostenibilità e competitività della manifattura europea nel contesto internazionale è il tema scelto per il convegno di apertura dell’edizione 2017 del Cersaie. Questione particolarmente sentita in EU tanto che le normative sono le più rigorose a livello internazionale, ma “rischiano di spiazzare inesorabilmente le nostre imprese se non accompagnate da urgenti semplificazioni burocratiche nel nostro Paese e da un’adeguata legislazione europea per contrastare efficacemente le importazioni in dumping”, spiegano dal Cersaie. Se ne parla lunedì 25 settembre alle ore 11 presso l’EuropAuditorium del Palazzo dei Congressi di Bologna. L’incontro si apre con il saluto del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e vede la presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, di Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria, di Antonio Tajani (invitato), Presidente del Parlamento Europeo e di Vittorio Borelli, Presidente di Confindustria Ceramica.

Quando il classicismo greco incontra il design contemporaneo – Atlante di Antonio Lupi

UN READY MADE, ANZI UNA RIFUNZIONALIZZAZIONE, CIOÈ UN CAMBIO RADICALE DELLA FUNZIONE ALLA QUALE SIAMO SOLITI ASSOCIARE UN’IMMAGINE. UN SEGNO FORTE E RICONOSCIBILE, UNA FORMA BELLA, IN ASSOLUTO, AL DI LÀ DI SOGGETTIVE INTERPRETAZIONI.

Tra architettura e design, tra classicismo dell’antica Grecia e creatività contemporanea, tra mito e rito. Atlante, che prende il nome della divinità greca che sorreggeva sulle proprie spalle la volta celeste, è un progetto complesso che indaga il senso delle cose, che esplora la rappresentzaione della funzione, che ribalta un luogo comune di pensare, o meglio di vedere. Una colonna in marmo che diventa lavabo, un elemento che dovrebbe sostenere e invece contiene, un pilastro dell’architettura che diventa protagonista gerarchico dell’ambiente bagno, un volume pieno che diventa vuoto, per poi essere riempito.
Realizzata interamente in marmo di Carrara, Atlante è la collezione di lavabi da terra o da appoggio che gioca con l’immagine della colonna e in particolare del fusto che perde o meglio accantona la sua funzione strutturale per entrare nell’ambito domestico. La geometria circolare del bordo del bacino, la scansione modulare del volume determinata dalle scanalature tipiche della colonna classica, la perfetta armonia propozionale; un salto di scala per un progetto della forte impronta architettonica.

Casa Decor Madrid 2017

UNO SPAZIO DEDICATO AI BAMBINI

In occasione della manifestazione Casa Decor, a Madrid dal 20 maggio al 18 giugno 2017, Inkiostro Bianco ha messo a disposizione la propria carta da parati per la realizzazione di uno spazio dedicato ai bambini del reparto di oncologia. Per l’allestimento è stata scelta la carta Equilibrium.

Service: special project
Prodotti utilizzati: Equilibrium

TIERRAS – design Patricia Urquiola

TIERRAS È UN PROGETTO CHE SI SVILUPPA INTORNO AL CONCETTO DI SEDIMENTAZIONE E ALLE LUNGHE MEMORIE ARTIGIANALI MEDITERRANEE. LA TRADIZIONE RIVISITATA SI RAFFORZA NELLA DUPLICE ANIMA DELLA COLLEZIONE, CONIUGANDO INNOVAZIONE TECNOLOGICA DI ULTIMA GENERAZIONE E CONCETTO ORIGINARIO DI TECNICA ARTIGIANALE.

Sei diversi tipi di lave, di terrecotte e di terre cromaticamente compatibili tra di loro, si combinano e si miscelano, arricchendo e ammorbidendo la base nera di ceramica riciclata sulla quale si depositano e che timidamente affiora in superficie. Il grande formato e le forme irregolari creano composizioni uniche ed originali abbinate a giunti larghi e con colori a contrasto.
Tierras è realizzato in gres porcellanato non smaltato ad impasto omogeneo realizzato con l’innovativa tecnologia CONTINUA. Un moderno sistema produttivo basato su lavorazioni di polveri a secco. Dal punto di vista dell’impatto ambientale questo sistema risulta migliorativo, con un consumo di acque tecnologiche molto limitato. La base del fondo, che forma il primo strato della lastra insieme al secondo con il recupero dei vari scarti di lavorazione, è stata concepita in UNICO COLORE NERO. Lo strato “nobile”, quello costituito dalle polveri colorate, ognuna diversa per ogni colore della gamma, si sedimenta sui primi due strati, definendo l’identità della superficie. Ne risulta un prodotto altamente materico, caratterizzato da una palette di colori intensi, profondi, terrosi e naturali resi saturi dalla base nera.